“La nostra priorità è rafforzare lo spirito cooperativistico per competere sui mercati mondiali” commenta il neo presidente, affiancato dal vicepresidente Claudio Tamellini.

Monteforte d’Alpone (Verona) – Cambio ai vertici per Collis Veneto Wine Group, società agricola consortile di secondo grado con sede a Monteforte d’Alpone (Verona), decretato dal Consiglio di amministrazione del 10 febbraio. Il nuovo presidente del Gruppo, che rappresenta oltre il 10% della produzione vitivinicola veneta, è Pietro Zambon, 62 anni, già Presidente Collis dal 2012 al 2018, ex presidente di Cantine Riondo Spa e presidente da dieci anni delle Cantine dei Colli Berici, che subentra al dimissionario Giuseppe Massimo Ferro.
Al suo fianco opererà il nuovo vicepresidente Claudio Tamellini, 61 anni, eletto lo scorso novembre Presidente della Cantina di Colognola ai Colli e oggi nuovo presidente di Cantine Riondo Spa. Un giro di poltrone tra amministratori che sono già abituati a lavorare da anni in stretta sinergia all’interno del Gruppo, nelle due cantine fondatrici di Colognola ai Colli e dei Colli Berici.
Il rafforzamento dello spirito cooperativistico tra i 2.000 soci che coltivano i 6.000 ettari di vigneto nelle province di Verona, Vicenza e Padova, costituisce oggi il filo rosso delle linee programmatiche del consorzio guidato da Pietro Zambon, sposato e padre di tre figlie, originario di Sarego, in provincia di Vicenza. Con un passato da tecnico commerciale nel settore metalmeccanico, è approdato da molti anni alla viticoltura per passione, come presidente della Cantina dei Colli Berici.
“I principi solidaristici e democratici che hanno ispirato nel dopoguerra la nascita delle società cooperative non sono più sufficienti per competere sui mercati mondiali” dichiara il neo presidente di Collis Veneto Wine Group, guardando ai suoi prossimi tre anni di attività. “La mutualità deve accompagnare necessariamente la sostenibilità economica e ambientale e garantire un’adeguata remunerazione dei soci. Senza
dimenticare il consumatore, che deve poter fruire di prodotti di qualità a prezzi accessibili”.

Centro Preferenze Privacy